10 - 30 aprile 1992
WURMKOS - Wurmkos Design


Wurmkos è il laboratorio di arti visive creato da Pasquale Campanella e dalle persone con disagio psichico ospiti della Cooperativa Lotta contro l'Emarginazione di Sesto San Giovanni (Milano).
L'attività del gruppo muove dal rifiuto di preconcetti confini tra ciò che è artistico e ciò che non lo è. Il laboratorio non persegue finalità didattiche o terapeutiche, ma si presenta come dinamica in cui a partire dalle singole individualità si avvia un libero processo creativo, all'interno del quale l'opera è l'effettivo tramite con l'altro.

"Wurmkos, fondato nel 1987, è un laboratorio d’arte visiva. È un luogo aperto, inteso come esperienza che mette in relazione arte e disagio psichico senza porsi obiettivi di “salvezza”, nel quale entrano sui diversi progetti, artisti, disagiati e non, critici, persone che collaborano alla realizzazione di opere e testi. Nel corso del tempo si è consolidato un piccolo gruppo che costituisce il nucleo permanente cui si sono aggiunte, sui diversi progetti, oltre un centinaio d’altre persone.

Con spirito “basagliano”, da sempre il lavoro degli artisti è stato inserito nel circuito dell’arte contemporanea, evitando quello dell’Outsider art. Il gruppo ha partecipato, nel corso di quasi trent’anni, a numerose mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero".

Patrizia Brusarosco 

Caterina Caserta
Progetto per tavolo, 1990 
gessetti ed acrilico su carta da pacco
73 x 50 cm

Caterina Caserta, tavolo in vetro serigrafato

Caterina Caserta
Armadio, 1992
acrilico e pittura fosforescente su carta

Antonio Valente
Sedie, 1990 
olio e acrilico su lenzuolo

Antonio Valente
Sedia, 1992
tecnica mista su cartoncino telato

Antonio Valente
Sedia, 1992
tecnica mista su cartoncino telato

Negli ultimi due anni il lavoro di Wurmkos si è misurato con il tema del mobile e dell'oggetto di design, dapprima come scoperta spontanea, in seguito come precisa intenzionalità del laboratorio.

L'idea-guida dell'esposizione Wurmkos Design è quella di indagare a diversi livelli il rapporto tra idea progettuale e realizzazione di oggetti, attraverso la presentazione di disegni, dipinti, modelli, mobili/oggetti spontanei, progetti di artisti Wurmkos realizzati come prototipi industriali.

La mostra è accompagnata da un nuovo numero della rivista Wurmkos, che si propone come strumento di dibattito teorico con contributi di critici d'arte, artisti, psicanalisti, operatori sociali. Il nuovo numero è interamente dedicato al progetto Wurmkos Design, con contributi di Maurizio Barberis, Paolo Deganello, Elio Grazioli, Alessandro Mendini.

Antonio Valente
Sedia, 1992

Foto di Antonio Maniscalco

Il gruppo Wurmkos. Fu un’emozione enorme allestire la mostra con questi ragazzi molto empatici e riconoscenti.

Foto di Armin Linke

Wurmkos al lavoro nel loro laboratorio

Foto di Armin Linke

Pasquale Campanella con Caterina Caserta

Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke
Foto di Armin Linke