Endless Residency
co-curato da Giulio Verago e Silvia Conta

Endless Residency è un osservatorio e piattaforma di scambio tra artist* e art workers nata per stimolare il dibattito culturale attorno alla mobilità artistica e promuovere la conoscenza delle migliori pratiche italiane e internazionali.
Endless Residency nasce per raccogliere e presentare esperienze diverse invitando a un confronto gli artist* e tutte le figure coinvolte nei processi di dislocazione e rilocazione della pratica artistica. Attraverso condivisioni e ricognizioni si avvia una riflessione partecipata su aspetti nodali della residenzialità, sulle sue forme e le sue contraddizioni, anche alla luce dell’impatto del cambiamento in atto sulla mobilità artistica.


Segui il progetto su Instagram

Partecipa al sondaggio per artisti e curatori sulle esperienze di residenza

Partecipa al sondaggio sulla mobilità presso istituzioni culturali


Endless Residency nasce dall’esperienza maturata da Giulio Verago curatore del programma di residenza di Viafarini e dal dialogo avviato con la critica indipendente Silvia Conta, nell’ambito della sua residenza curatoriale presso Viafarini nel 2019.
Endless Residency è un progetto di ricerca sostenuto dall'Italian Council, Direzione Generale Creatività Contemporanea, Ministero della Cultura (10. edizione, 2021).

Endless Residency è membro di Res Artis, network globale delle residenze artistiche con oltre 550 membri in 75 Paesi, collabora con il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Studi di Bergamo e vanta il patrocinio di ICOM Italia.

Public Program 2022

Una serie di tavoli di confronto per presentare e indagare buone pratiche di dislocazione della ricerca artistica.
moderatori: Giulio Verago e Silvia Conta
ogni tavolo è co-curato con professionisti e ricercatori

Mobilità e cura in aree archeologiche e di interesse storico
co-curato con
In-ruins research platform, lunedì 14 marzo 2022

con la partecipazione di:

Prof. Valentino Nizzo, archeologo, direttore Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma
Emma Talbot, artista
Niovi Zarampouka-Chatzimanou, direttrice
Victoria Square Project, Atene
Aloisia Leopardi, fondatrice
Castello San Basilio, Basilicata
Maria Luigia Gioffrè, artista e fondatrice,
In-ruins
Nicola Guastamacchia, artista e curatore, In-ruins
Nicola Nitido, curatore, In-ruins

Mobilità e cura in archivi e centri di documentazione
co-curato con Rossella Farinotti, martedì 15 aprile 2022

con la partecipazione di:
Barbara Garatti, direttrice Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck
Ornella Mignone, curatrice Archivio Valentino Vago e Fausta Squatriti
Alice Pedroletti, artista
Ettore Favini, artista
Francesco Martelli, Sovrintendente agli Archivi Generali e Direttore di Cittadella degli archivi, Comune di Milano
Rossella Farinotti, critica, curatrice e giornalista, direttrice Archivio Giò Pomodoro

Mobilità e cura in aree archeologiche e di interesse storico
marzo 2022
Mobilità e cura in archivi e centri di documentazione
aprile 2022
Mobilità e cura in contesti di ricerca scientifica
maggio 2022
Mobilità artistica e sviluppo in aree rurali e paesaggistiche
2 luglio 2022

Public Program luglio 2021

Per tutto il mese di luglio 2021 il progetto convoca alcune tra le principali voci della mobilità artistica in Italia attraverso un calendario di conversazioni e lecture via Zoom.

Tra le realtà coinvolte attraverso i loro portavoce: Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck (Milano), Chiara Brambilla  per Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università di Studi di Bergamo, CARS (Omegna), Casa degli Artisti (Milano), CASTRO (Roma), Civitella Ranieri (Umbertide, PG), Cripta 747 (Torino), Fare (Milano), Il Crepaccio (Instagram), In-Ruins Residency (Calabria), Lateral Geographies (online residency), Luigi Galimberti per Res Artis (worldwide network of arts residencies), Todd Lanier Lester (artista, scrittore e produttore culturale), Museo Carlo Zauli (Faenza), Visualcontainer (Milano) 

Fare e AIR Artist in residence: esperienze di residenza e networking con Beatrice Oleari e Barbara Oteri (Fare - AIR-artinresidence)

CARS, Mastronauta e MARS: Residenze e artist-run space, un ecosistema di esperienze in sinergiacon Lorenza Boisi(MARS, CARS), Andrea Ruschetti (Mastronauta), Yari Miele e Fabio Carnaghi (MARS)

In Ruins: esperienze di residenza in contesti storico archeologici
con Maria Luigia GioffrèNicola Guastamacchia e Nicola Nitido (In-Ruins)

CASTRO: un progetto per la formazione sperimentale a Roma
con il team di CASTRO, Contemporary Art STudio ROma

Cripta747 da spazio progetto a residenza internazionale 
con il team di Cripta 747, Torino

Le residenze di produzione in Italia: Museo Carlo Zauli
con Cristina Casadei (Studio senzatitolo), Matteo Zauli (Museo Carlo Zauli, Faenza)


Can Art Residency be activist? - Todd Lanier Lester (artista e produttore culturale) in conversazione con Giulio Verago

Mobilità artistica dopo il COVID-19: prospettive alla luce dello studio condotto da Res Artis e University College Londoncon Luigi Galimberti, Board Member Res Artis

Tra antropologia e arte: riflessioni su mobilità e residenzialità
con PhD Chiara Brambilla, Antropologa (Università di Bergamo)

Mobilità online: pratica artistica e media digitali
con Enrico Boccioletti (artista visivo), Caroline Corbetta (il Crepaccio Instagram Show) e Jacopo Nuvolari (Lateral Geographies)

Sono inoltre incluse visite e conversazioni in loco con Barbara Garatti per Archivio Atelier Pharaildis Van den Broeck (Milano), Giulia Restifo e Susanna Ravelli per Casa degli Artisti (Milano), Dana Prescott e Diego Mencaroni per Civitella Ranieri (Umbertide, PG).

Endless Residency | Fare e AIR Artist in residence: esperienze di residenza e networking
6 luglio 2021
Endless Residency | Residenze e artist-run space, un ecosistema di esperienze in sinergia
7 luglio 2021
Endless Residency | In Ruins: esperienze di residenza in contesti storico archeologici
9 luglio 2021
Endless Residency | Castro: un progetto per la formazione sperimentale a Roma
12 luglio 2021
Endless Residency - Cripta747 da spazio progetto a residenza internazionale
13 luglio 2021
Endless Residency | Le residenze di produzione in Italia: Museo Carlo Zauli
15 luglio 2021
Endless Residency | Can Art Residency be activist? Conversation with Todd Lanier Lester
17 luglio 2021
Endless Residency | Mobilità artistica post COVID-19 alla luce dello studio di Res Artis-UCL London
19 luglio 2021
Endless Residency | Tra antropologia e arte: riflessioni su mobilità e residenzialità
21 luglio 2021
Endless Residency | Mobilità online: pratica artistica e media digitali
22 luglio 2021
Endless Residency | Musei e mobilità - Presentazione del questionario e scenari di indagine
11 dicembre 2021

Identità visiva di Atelier Doodle

Identità visiva di Atelier Doodle

Endless Residency | video screening | 1 luglio 2021

a cura di Visualcontainer Italian Videoart Platform con opere di:

Matteo Pasin, Jean Michel Rolland, Barbara Brugola, Elena Arzuffi, Alessandra Caccia, Marcia Beatriz Granero, Cristina Ohlmer con Stefan Reisinger.

Matteo Pasin, Call of the void, 5:30, 2017
Jean Michel RollandTrace: Birds, 1:00, 2018
Barbara Brugola, There is a house, 5:00, 2020
Elena ArzuffiSwing, 2:11, 2020
Alessandra Caccia, Dreammachine, 05:16, 2015
Marcia Beatriz GraneroTrip Paulista, 5:45, 2012
Cristina Ohlmer/Stefan Reisinger-Art vs FilmAstroblack, 17:00, 2019


Visualcontainer Italian Videoart Platform da oltre 10 anni divulga e promuove opere di videoarte attraverso i diversi progetti culturali organizzati all’interno di un unico polo di ricerca che comprende:

– Visualcontainer distributor, il primo distributore italiano di videoarte con un archivio in continua crescita di 80 artisti, e polo attivo nella ricerca e scambio di progetti culturali.

– VisualcontainerTV– International Videoart webchannel, il web channel fondato nel 2009, il cui palinsesto comprende rassegne, interviste, monografie e screening festival, oltre che la prima piattaforma di distribuzione digitale in on demand e pay per view dedicata alla videoarte.

– [.BOX] videoart project space, dal 2010 lo spazio espositivo di Milano che le ricerche contemporanee nel panorama della videoarte, grazie alla collaborazione con curatori ed istituzioni internazionali.